Crea sito
  • Homepage
  • >
  • In scena
  • >
  • Lombardia
  • >
  • Il Clan delle divorziate torna a Milano con Jessica Polsky, Stefano Chiodaroli, Rossana Carretto

Il Clan delle divorziate torna a Milano con Jessica Polsky, Stefano Chiodaroli, Rossana Carretto

Per la seconda volta Il clan delle divorziate tornerà in Italia e, ancora una volta, sarà protagonista a Milano con la regia di Vittorio Borsari. Lo spettacolo andrà in scena dal 22 febbraio al Teatro Leonardo. In questa edizione tre interpreti d’eccezione: Jessica Polsky, Stefano Chiodaroli e Rossana Carretto.

Il Clan delle divorziate a Milano con Jessica Polsky

Il Clan delle divorziate ha debuttato a Tolosa nel 2004 riscuotendo immediato successo; il sold out è arrivato dopo poche settimane insieme al gran premio del Festival du Rire di Tolosa. Il Clan si è poi mosso alla conquista di Parigi, dove è tutt’oggi in scena: dopo tredici anni e quasi 3,5 milioni di spettatori lo spettacolo è stato trasmesso in prima serata su France 4.

Nel 2009 è andato in scena contemporaneamente in 11 città della Francia. L’evento si è ripetuto nel 2014, anno in cui il Clan ha varcato i confini della Francia per approdare in Italia. Il progetto è di portare in scena questa commedia molto divertente e accattivante in 20 paesi del mondo nell’arco di tre anni.

 

Le Clan des divorcées, divertentissima commedia scritta da Alil Vardar, racconta la storia di tre donne da poco divorziate e molto diverse tra loro, costrette dalle circostanze a condividere sia un appartamento che gli alti e bassi della loro nuova vita da single. La loro convivenza risulterà esplosiva! Un tema classico? Non del tutto: una delle donne è interpretata da un uomo e questo dona alla commedia un carattere unico.

Un tema universale, tre personaggi fuori dalle righe e humor come protagonista assoluto: ecco la ricetta del successo de Le Clan des divorcées, in italiano, Il clan delle divorziate.

Note di Regia

Le donne si dividono in due categorie: quelle nubili, che sognano il matrimonio, e quelle sposate, che sognano il divorzio. – Georges Elgozy

Il clan delle divorziate è un diverso sguardo sulla nostra realtà, un altro modo per deformare la realtà lasciando spazio al divertimento e alla finzione del teatro. Gli ingredienti di questa fortunatissima commedia francese sono semplici, ma al tempo stesso orchestrati in un articolato meccanismo drammaturgico. Semplici come la fortunata battuta di Groucho Marx: “Il matrimonio è la causa principale del divorzio”. Tre donne divorziate da poco, di differente estrazione sociale, sono costrette dalle circostanze a condividere un appartamento, e la nuova situazione affettiva che vivono condividendone gioie e dolori. Il divorzio non è una tragedia, come vivere una storia infelice, ma dopo una storia d’amore finita a pezzi, essere single è bello e liberatorio. E’ altrettanto vero che scatta immediatamente il desiderio e la speranza di essere di nuovo travolti dall’amore: essere nel Clan (delle divorziate), ma cercare anche di uscirne, di ritornare a essere recidivi in fatto di amore.

Il Clan delle divorziate

Beatrice, Michela e Mary sono tre donne più che diverse, diversissime. Beatrice, quarantenne di origini aristocratiche, dopo il suo primo divorzio torna in città, a Milano, nella casa in cui è nata e cresciuta, ma non potendo permettersi di vivere da sola in quella casa, senza lavorare, decide di cercare due coinquiline con cui dividere le spese. Così incontra Michela, un po’ più anziana, donna sarcastica e cinica, e Mary, di origini inglesi, la più giovane e la più svampita. Tre donne che in comune hanno solo un divorzio alle spalle. Comincia la loro convivenza durante la quale devono affrontare in maniera diametralmente opposta qualsiasi cosa le accada. Una convivenza fatta di incontri, scontri, battute e tante risate. Tre donne, tre caratteri, tre modi di vedere le cose. Affrontano scontrandosi la quotidianità e imparano, giorno dopo giorno, che a volte, quando le paure si sconfiggono, non tornano più. Tre donne che temono di rimanere sole, riscoprono lentamente il potere e il fascino della propria indipendenza.

Adattamento Italiano – Alessandra Scotti
Scene e Costumi – Cristina Abate – Anna Antonietti
Regia di Vittorio Borsari
Cast: Jessica Polsky, Stefano Chiodaroli e Rossana Carretto

[box type=”info” border=”full”] Teatro Leonardo
Sede Teatro Litta – corso Magenta, 24
Sede Teatro Leonardo – via Ampère, 1 – ang. piazza Leonardo da Vinci
Prenotazioni e prevendita biglietti da lunedì a sabato dalle 15:00 alle 19:30
(I tickets prenotati devono essere ritirati nei giorni precedenti negli orari di prevendita e la domenica a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo)
Tel. 02 86 45 45 45
Mail: biglietteria@mtmteatro.it
Sito web: www.mtmteatro.it
[/box]
Print Friendly, PDF & Email
Condividi la News
Articolo precedente «
Articolo successivo »

Fondatrice del blog di teatro "Vista Sul Palco". È laureata con Lode in Musicologia (Università degli Studi di Pavia) con specializzazione in teatro musicale contemporaneo (titolo della tesi: Jesus Christ Superstar: genesi, critiche e analisi dell'Opera Rock), ha conseguito un Master in Marketing per le Imprese di Arte e Spettacolo presso l'Università Cattolica di Brescia. È redattrice per testate di cultura e spettacolo e ha collaborato con alcune realtà teatrali cittadine per la comunicazione e la promozione di eventi: tra queste Teatro PalaBrescia (poi PalaBanco di Brescia e ora GranTeatro Morato) e Residenza Idra (Spazio TeatroIdra). Ha scritto per testate giornalistiche del settore economico-culturale, occupandosi prevalentemente di arte. Da anni si occupa di Comunicazione e Marketing svolgendo attività di Ufficio Stampa, Digital PR, Web Marketing e Social Networking, Community Manager per aziende di vari settori (Food, Fashon, Tourism and Hospitality, Health and Beauty). Ha insegnato Educazione Musicale in strutture per l'infanzia ed è insegnante in scuole secondarie di primo grado. Il teatro è la sua linfa vitale! ★ Sito web personale (attività e servizi offerti): www.luanasavastano.com

  • instagram
  • pinterest
Trona su