Crea sito
  • Homepage
  • >
  • Interviste
  • >
  • Intervista a Brunella Platania, Vocal Coach di Georgie il Musical (e Mary Buttman)

Intervista a Brunella Platania, Vocal Coach di Georgie il Musical (e Mary Buttman)

La vedremo vestire i panni di  Mary Buttman nel debutto nazionale di Georgie il musical al Teatro Orione di Roma (dal 20 al 22 maggio), oggi scopriamo cosa ci dice Brunella Platania di questo spettacolo dove è anche Vocal Coach.

Intervista Brunella Platania - Vocal Coach - Georgie il Musical - Mary Buttman

Doppio ruolo per te in questo spettacolo: sei Mary Buttman, la madre adottiva di Georgie, ma anche Vocal Coach (insieme ad Enrico D’Amore). In quest’ultimo caso che tipo di lavoro sull’impostazione vocale avete fatto con tutto il cast? Com’è stato dare voce e corpo a personaggi che, in Italia, conosciamo soltanto tramite il cartone animato (o il manga) degli anni ’80? Ricordiamo che il debutto a teatro di Georgie il musical è stato preceduto dall’incisione del CD che contiene tutti i brani dello spettacolo.

Doppio ruolo sì e di grande responsabilità. Anzi, triplo perché sono anche supervisore alla stage performance, ovvero mi occupo anche della resa attoriale interpretativa all’interno delle scene facendomi filtro dei desideri del regista traducendoli da “attrice”.
Vocal coach è una parola da usare con moderazione perché abbiamo a che fare con tutti professionisti e grandissimi cantanti (sia per il cd che per la versione teatrale) ai quali io ed Enrico diamo delle indicazioni interpretative, dal momento che abbiamo visto nascere l’opera e conosciamo molto bene la stesura musicale e le intenzioni narrative.
Un lavoro facile mi vien da dire! Ai “meno esperti” diamo anche l’appoggio della nostra preparazione tecnica in modo che tutte le voci, da quelle dei protagonisti a quelle dei caratteristi, viaggino sullo stile del musical del West End con un’impronta passionale squisitamente da opera italiana.

Parliamo, invece, del tuo personaggio: May Buttman. Come nel caso di Sophie (Elisabetta Tulli), anche Mary, pur comparendo in alcune scene specifiche nel primo atto è una donna molto importante (nel bene e nel male) per la protagonista. Apparentemente forte ma in realtà molto fragile e con, forse, giustificate paure. Come hai cercato di caratterizzare la tua Mary e il suo difficile rapporto con Georgie?

Importante e significativa come sono tutte le madri che lasciano sempre un segno indelebile nella vita dei figli, nel bene e nel male. È vero, Mary è una donna forte e fragile al tempo stesso, vuole proteggere la sua famiglia a modo suo e con tutta se stessa, e nutre in sé sentimenti contrastanti per questa figlia non sua che si è ritrovata e che forse ha anche desiderato, ma che trasforma nella sua mente nella causa delle sue disgrazie… semplicemente per paura, paura di amare, paura di perdere lei e i suoi figli.
Io sono abituata a cercare sempre dei punti di contatto con i personaggi che ho già interpretato, di cui più di una è madre di estrazione popolare, come Agnese, e con le donne della letteratura il cui incontro mi ha colpito e segnato, e con le donne della mia vita.
Mary, da quando ci siamo “conosciute” già durante la mia adolescenza, mi ha fatto subito pensare alla mamma di Jody del romanzo “Il cucciolo” della Rawlings, una storia che anche nell’ambientazione ricorda quella di Georgie: una famiglia contadina, una madre apparentemente fredda che arriva ad uccidere il cerbiatto migliore amico del suo unico bambino in vita ( gli altri sette figli tutti morti e forse in consapevolmente incolpa Jody di essere vivo) perché per lei rappresenta un pericolo per il sostentamento della famiglia. Da lì l’allontanamento e l’ingresso nell’età adulta.
E poi il mio specchio, mia madre, sempre più simile a me, categorica irremovibile, affettuosa in un modo tutto suo, una madre cui somigliare e sempre da conquistare. Come tenta di fare Georgie che sente di dover giustificare in qualche modo la sua esistenza. Tutto questo lo metto nella mia valigia che diventa la mia e di Mary. Ho parlato troppo come al solito…. le mamme lo fanno!

La storia, dicevamo, la conosciamo dagli anni ’80 grazie al cartone animato e al manga “Lady Georgie” a cui rimanda che, a sua volta, si basa sulla novella dell’autore nipponico Izawa. Ma cosa ti ha colpito di più di questo progetto che hai sostenuto fin dall’inizio?

Il sogno, il sogno di una generazione ancora ingenua, il sogno di una me bambina/adolescente che viveva straordinarie e romantiche avventure, il sogno di un caro amico Claudio Crocetti che con determinazione, amore e preparazione ha voluto realizzarlo nel linguaggio che mi appartiene sopra ogni atro, quello teatrale musicale. Ho pensato da subito che la storia di Georgie si prestasse perfettamente al musical e mi ha intrigato moltissimo l’idea della commistione tra la narrazione anglosassone e la cultura nipponica, una miscela straordinariamente stimolante ancora di più se affidata alla musica e alle parole di autori preparati come Tiziano Barbafiera e Diego Ribechini e alla regia fresca e profonda di Marcello Sindici [QUI l’intervista].

Tu sei sempre impegnata in moltissimi progetti, sia sul palco che fuori. Ricordiamo, per esempio, la tua prossima partecipazione come Special Guest nel ruolo di Maddalena in Jesus Christ Superstar della Compagnia della Croce del Sud [QUI], spettacolo per cui curerai la regia insieme a Steve Balsamo e Luca Calzolaro. Ma qual è il sogno nel cassetto artistico di Brunella Platania?

Tanti sogni si sono realizzati e tanti appunto si stanno realizzando. “Jesus” è una presenza costante e potente nella mia vita. Un sogno da sempre che cerco di rinnovare anche nei cuori dei grandi talenti della Compagnia della Croce del Sud. Sarà bellissimo dividere con loro il palco e con gli straordinari colleghi Giorgio Adamo e Christian Gravina (Jesus e Pilate) nei panni di Maria Maddalena. Sono sicura che Carl ci strizzerà l’occhio [Carl Anderson, indimenticato Judas nella versione cinematografica di JCS del 1973, n.d.r.].
Sogni nel cassetto… forse te li ho già confidati, Luana. Vorrei portare in scena Cime Tempestose e vedere in scena in teatri importanti la mia amata Fornarina [QUI] del maestro Giancarlo Acquisti.
La mia anima necessita di ruoli che le diano la possibilità di esprimersi al massimo, anche se con tutta umiltà il mio massimo lo metto sempre in tutti i ruoli.
…Wicked…non mi dispiacerebbe!

Intervista a cura di Luana Savastano

Sito web Georgie il musical -> www.georgieilmusical.com

banner georgie il musical per articoli - 2

Biografia di Brunella Platania

Nell’ambito del musical Brunella Platania ha interpretato il ruolo di Sidonia e Tosca in “Tosca Amore Disperato” di Lucio Dalla e David Zard, Maddalena ed Ensemble in “Jesus Christ Superstar” della Compagnia della Rancia, regia di Fabrizio Angelini, prima Perpetua poi Agnese ne “I Promessi Sposi” di Michele Guardì (di nuovo in tour nei maggiori teatri italiani), Fornarina in “Raffaello e la Leggenda della Fornarina” di Giancarlo Acquisti, regia e coreografie di Marcello Sindici, Ortensia in “Aggiungi un Posto a Tavola”, sesta edizone ufficiale della Compagnia dell’Alba per la regia di Fabrizio Angelini, Malfiore in “Wojtyla Generation – Love Rock Musical” di Raffaele Avallone, Adriana in “Trasteverini, Sotto il cielo di Roma” di Gianfranco Vergoni e Andrea Perrozzi per la regia di Fabrizio Angelini, Ambra in “E non finisce mica il cielo” di Gianfranco Vergoni da un idea di Alex Mastromarino, sempre per la regia di Fabrizio Angelini, la Signora Otis in “Canterville” di Robert Steiner , regia Marco Simeoli, Lady Rose in “Robin Hood, il valore della giustizia” di Simone Martino, regia di Paolo Gatti.
Nell’ambito puramente teatrale è stata protagonista di “Opinioni di un Clown in si bemolle” di Heinrich Boll per la regia di Sabrina De Luca e Maria Laura Platania, di “ Tutti al macello!” di Boris Vian per la regia di Antonio Cervigni (tutt’ora in scena) e de “La Torta di Joe” di Elisabetta Tulli, regia di Serena Mastrosimone e Gino Matruonola. Nel maggio 2015 insieme a Steve Balsamo è regista associata e acting e vocal coach nel nuovo allestimento di Jesus Christ Superstar della “Compagnia della Croce del Sud. Subito dopo si cimenta di nuovo nella regia insieme a Marcello Sindici e Maria Laura Platania portando in scena in anteprima al Teatro Sala Umberto di Roma una originale versione musical del “Sogno di una notte di mezza estate” nel 2015.
Nell’ambito teatrale deve la sua preparazione a grandi maestri quali Pino Manzari, Claretta Carotenuto (sotto la cui direzione ha frequentato la scuola del Teatro dell’Orologio) Thomas Zinzi e Gianni De Feo e in quello musicale e del canto a Luisa Vella, Pierluca Bonfrati, Luca Velletri, Mariagrazia Fontana, Paola Neri e al grande Carl Anderson. Perfeziona entrambe le discipline sempre con seminari e masterclass di metodo con artisti nazionali e internazionali.

Intervista Brunella Platania – Vocal Coach – Georgie il Musical – Mary Buttman
Print Friendly, PDF & Email
Condividi la News
Articolo precedente «
Articolo successivo »

Fondatrice del blog di teatro "Vista Sul Palco". È laureata con Lode in Musicologia (Università degli Studi di Pavia) con specializzazione in teatro musicale contemporaneo (titolo della tesi: Jesus Christ Superstar: genesi, critiche e analisi dell'Opera Rock), ha conseguito un Master in Marketing per le Imprese di Arte e Spettacolo presso l'Università Cattolica di Brescia. È redattrice per testate di cultura e spettacolo e ha collaborato con alcune realtà teatrali cittadine per la comunicazione e la promozione di eventi: tra queste Teatro PalaBrescia (poi PalaBanco di Brescia e ora GranTeatro Morato) e Residenza Idra (Spazio TeatroIdra). Ha scritto per testate giornalistiche del settore economico-culturale, occupandosi prevalentemente di arte. Da anni si occupa di Comunicazione e Marketing svolgendo attività di Ufficio Stampa, Digital PR, Web Marketing e Social Networking, Community Manager per aziende di vari settori (Food, Fashon, Tourism and Hospitality, Health and Beauty). Ha insegnato Educazione Musicale in strutture per l'infanzia ed è insegnante in scuole secondarie di primo grado. Il teatro è la sua linfa vitale! ★ Sito web personale (attività e servizi offerti): www.luanasavastano.com

  • instagram
  • pinterest
Trona su