Crea sito
  • Homepage
  • >
  • Video
  • >
  • Le Quattro stagioni al Manzoni con il Spellbound Contemporary Ballet

Le Quattro stagioni al Manzoni con il Spellbound Contemporary Ballet

  • Pubblicato da Redazione
  • 30 Aprile 2014
  • 427 Visualizzazioni
  • 0

Spellbound_quattro stagioni_castaldi

Per l’ultimo appuntamento con la rassegna il Movimento 2013/ 2014, il Teatro Manzoni di Milano ospita, dal 5 al 7 maggio, il Spellbound Contemporary Ballet con il suo spettacolo Le Quattro stagioni.

Non c’è musica più celebre delle Quattro stagioni di Vivaldi. Ma il coreografo Mauro Astolfi, con lo strepitoso Spellbound Contemporary Ballet, fa uso della partitura per creare un lavoro coreografico del tutto nuovo. Tutto si accentra in un unico elemento scenico: un grande cubo mobile che si rivelerà una casa stilizzata. È il corpo, nella sua complessa interiorità, concepito come dimora, e la pelle come le pareti del nostro mondo. Astolfi crea un affascinante gioco di echi e di rimandi e la casa diventa rifugio, albero, cielo, terra, e a visualizzarlo sono immagini e filmati proiettati – uno stelo che diventa pianta, la pioggia battente, le nuvole passeggere – che suggeriscono lo scorrere delle diverse stagioni.

Segue il comunicato stampa ufficiale 

Le Quattro Stagioni di Vivaldi messe in scena dal Spellbound Contemporary Ballet by vistasulpalco

Le Quattro stagioni

coreografia e set concept Mauro Astolfi
interpreti: Maria Cossu, Marianna Ombrosi, Alessandra Chirulli, Giuliana Mele, Gaia Mattioli, Sofia Barbiero, Mario Laterza, Giacomo Todeschi, Michelangelo Puglisi
musiche originali Luca Salvadori
musiche Antonio Vivaldi
disegno luci Marco Policastro, elaborazioni video Enzo Aronica, scene Esse a Sistemi

[box type=”info” border=”full”]

Teatro Manzoni
Via Manzoni 42 – 20121 Milano
Tel: 02.763.69.01
Mail: info@teatromanzoni.it
Sito web: www.teatromanzoni.it

[/box]
Print Friendly, PDF & Email
Condividi la News
Articolo precedente «
Articolo successivo »

"La cultura non è un lusso, è una necessità". La nostra (necessità) è far scoprire e conoscere il vasto repertorio offerto dal panorama teatrale italiano e straniero.

Trona su