Crea sito

Recensione Il sorpasso. Al Manzoni di Milano con Giuseppe Zeno

  • Pubblicato da Alessio Gaburri
  • 7 maggio 2017
  • 50 Visualizzazioni
  • 0

Visto: 04 maggio 2017 - Teatro: Manzoni (MI).

Print Friendly, PDF & Email
[Recensione a cura di Alessio Gaburri]

Il Sorpasso di Dino Risi, grande capolavoro del cinema italiano del 1962, arriva per la prima volta a teatro con Giuseppe Zeno e Luca Di Giovanni. Uno spettacolo sicuramente da vedere, in scena fino al 21 maggio al Teatro Manzoni di Milano. La sceneggiatura del film è di Risi insieme a Ettore Scola e Ruggero Maccari, la pièce teatrale vede la regia di Guglielmo Ferro e l’adattamento di Micaela Miano.

per recensione IL SORPASSO Manzoni Milano

Bruno Cortona (Giuseppe Zeno), uomo arrogante e dissacratore, amante della guida sportiva e delle belle donne, incontra per caso Roberto Mariani (Luca Di Giovanni), un timido studente universitario, e lo trascina con sé durante un lungo Ferragosto. L’aggressività, il modo di vivere dirompente e a tratti volgare di Bruno allontanano e insieme affascinano lo studente. Bruno vive di espedienti, è separato dalla moglie, sua figlia è una ragazza che si appresta a sposare un industriale molto più grande di lei (un bravissimo e convincente Simone Pieroni). Le vicende dei due uomini dai diversi modi di vivere si intrecciano in una calda estate, legati dal filo della mania automobilistica di Bruno. E dietro una curva il tragico e inaspettato finale.

Una trama semplice e lineare, molto godibile e scorrevole per lo spettatore, con al centro i due protagonisti, il viaggio in auto (la mitica Lancia Aurelia) e il loro conflitto caratteriale: uno spettacolo focalizzato sui personaggi e sul loro lato psicologico. Siamo negli anni del boom economico italiano, ma è una scelta precisa per l’adattamento teatrale quella di non puntare sugli aspetti storici e sociali. Bruno prevarica, è molto sicuro di se’ stesso, prende le decisioni su tutto con esuberanza; Roberto è timido e goffo ma molto affascinato da Bruno: è pensieroso per i suoi esami universitari, dovrebbe passare il Ferragosto a casa a studiare, ma questa giornata così speciale e fuori dagli schemi è per lui un uscire dal guscio; è il ritrovamento di una nuova consapevolezza interiore e un modo di lasciarsi andare alla vita con più leggerezza. La macchina corre e Bruno e Roberto stanno sì cercando un Ferragosto insolito, ma sembra anche stiano fuggendo da qualcosa: l’uno da una vita da nullafacente e vissuta alla giornata, l’altro da una vita troppo rigida e con un futuro già scritto. Sono quindi talmente opposti che l’attrazione è forte.

Il sorpasso è un film cult del cinema e non era affatto facile renderlo a teatro: ma devo dire che l’esperimento è riuscitissimo e si rivela una gran bella operazione di trasposizione teatrale senza nostalgia del film e dei suoi attori. Giuseppe Zeno è perfetto nel ruolo di Bruno, che nel film era interpretato da un indimenticabile Vittorio Gassmann: è rozzo, affascinante, irritante e Zeno mostra al pubblico una prova interpretativa che colpisce. Molto bravo anche Luca Di Giovanni, che nel film era interpretato da Jean Louis Trintignant. In scena anche Cristiana Vaccaro (nel doppio ruolo di moglie di Bruno e di zia di Roberto), Marco Prosperini, Simone Pieroni, Pietro Casella, Francesco Lattarulo e Marial Bayma Riva (figlia di Bruno, nel film interpretata da una giovanissima Catherine Spaak).

per recensione Il SORPASSO

Curata la scelta delle musiche e dei costumi. La scenografia è interessante e tiene viva l’attenzione, con proiezioni in bianco e nero che ripropongono i paesaggi attraversati dai due protagonisti in macchina su un video sipario. Quest’ultimo si chiude quando sono in viaggio, e si apre quando sono al ristorante, al mare o a trovare i parenti. La Lancia Aurelia è sempre al centro del palcoscenico.

Il sorpasso è uno spettacolo che consiglio perché si gode, contemporaneamente, di una bella storia road movie, di bravi attori, di belle musiche e scenografie, per ridere prima e commuoversi poi sul finale.

Lo spettacolo dura circa 1 ora e 45 minuti, compreso l’intervallo, ed è in scena al Manzoni di Milano fino al 21 maggio: dal martedì al sabato repliche alle ore 20:45, la domenica ore 15:30.

Teatro Manzoni
Via Manzoni 42 – 20121 Milano
Tel: 02.763.69.01
Mail: info@teatromanzoni.it
Sito web: www.teatromanzoni.it

 

recensione il sorpasso
Articolo precedente «
Articolo successivo »

Laureato in Comunicazione, Mass Media e Pubblicità allo IULM di Milano (tesi: "Sei Personaggi in cerca d'autore. Dal testo alla scena"), lavora nel settore Marketing, Social e Comunicazione per l'e-commerce IBS.it. Costante della sua vita, lo spettacolo: teatro, televisione e cinema. Si avvicina al teatro grazie alla mamma, che lo porta per la prima volta all'età di 14 anni. Frequenta negli anni delle superiori cinque anni di laboratorio teatrale organizzato dal liceo, e nel 2014-2015 un corso di musical presso il Centro Teatro Attivo di Milano.

Canali social

Musical News

Trona su