Crea sito

Anima Animale: viaggio nella sensibilità animale a cura di Luca De Bei

  • Pubblicato da Redazione
  • 22 maggio 2014
  • 389 Visualizzazioni
  • 0

Anima Animale Roma. Allestimento Luca de Bei

Anche gli animali hanno un’anima: è il tema conduttore dell’evento Anima Animale, in programma sabato 24 maggio presso il Museo dell’Ara Pacis di Roma (ore 19.00). Drammaturgia e allestimento sono a cura di Luca De Bei. In scena Daniela Poggi.

Anima Animale è un occasione per entrare nel meraviglioso mondo della sensibilità animale attraverso storie di cani coraggiosi e dediti, gatti veggenti, cavalli altruisti, maiali innamorati, elefanti che si commuovono, scimpanzè affettuosi e protettivi. La Poggi si identificherà con i sentimenti di queste creature, cercando, anche con una trasformazione fisica, di diventare la creatura stessa.
Attraverso la lettura di vari testi, attingendo a storia, letteratura e aneddoti, si verrà a conoscere il modo in cui un tempo, nelle società che più vivevano in armonia con la Natura, erano considerati e rispettati gli animali.

La musica sarà anch’essa protagonista dei racconti e farà vivere agli spettatori ciò che realmente gli animali provano, a conferma che l’uomo non è l’unico depositario di emozioni, sentimenti, passioni, ma che tutto ciò appartiene ad ogni creatura di questo pianeta.

Sono sempre più numerose le voci che si levano a difesa degli abitanti non umani che condividono con noi la vita sulla Terra, e sempre più numerosi sono coloro che sostengono che gli animali abbiano un’ anima. Ormai celebre è Monsignor Mario Canciani, il parroco di San Giovanni dei Fiorentini a Roma, il “prete che non scaccia i cani dalla chiesa”. Ma persino Papa Giovanni Paolo II nella sua “Sollicitudo rei socialis” tempo fa invitò i teologi a studiare un nuovo tipo di rapporto uomo-animale, fino ad arrivare a sostenere che “anche gli animali hanno un soffio divino”. Ma è soprattutto attraverso la nostra esperienza quotidiana con i nostri compagni di viaggio (cani, gatti, uccelli, cavalli…) che possiamo tranquillamente dedurre che gli animali hanno oltre all’intelligenza, all’istinto, a un loro linguaggio, alla capacità di rapportarsi a noi umani, anche una profonda sensibilità, una memoria inossidabile, la capacità di discernere tra bene e male, e poi il coraggio, la generosità, l’attitudine a prendersi cura, alla fedeltà, all’abnegazione. Di cosa altro dovrebbe essere dotato un essere vivente per poter affermare che possiede un’anima?

[Dal comunicato stampa]

“Se per anima intendiamo la parte incorporea dell’essere, sede della sensibilità, del giudizio e della volontà, fonte dei pensieri, dei desideri e delle passioni, ebbene sì, gli animali hanno un’anima”.

“Se per anima intendiamo il coraggio, i sentimenti nobili, gli istinti generosi di un essere considerato dal punto di vista morale, ebbene sì, gli animali hanno un’anima”.

“Se per anima intendiamo un’entità immateriale, ma pur tuttavia sottile e sostanziale, che si separa dal corpo nel momento della morte; se per anima s’intende una copia conforme dell’essere, che riproduce fedelmente ciò che egli fu nella sua vita e che gli consente di continuare a vivere in un altro mondo, ebbene sì, gli animali hanno un’anima.”

JEAN PRIEUR

Anima Animale

Drammaturgia e allestimento a cura di LUCA DE BEI
con Daniela Poggi

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili 

[box type=”info” border=”full”] Museo dell’Ara Pacis
Lungotevere in Augusta, 1 – Roma
Sito web: www.arapacis.it
[/box]
Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente «
Articolo successivo »

"La cultura non è un lusso, è una necessità". La nostra (necessità) è far scoprire e conoscere il vasto repertorio offerto dal panorama teatrale italiano e straniero.

Trona su