Crea sito
Home / Recensioni / Recensione Un marito ideale al Teatro Caboto. Regia di gipeto

Recensione Un marito ideale al Teatro Caboto. Regia di gipeto

Visto: 24 gennaio 2016 - Teatro: Caboto, Milano.

[Recensione a cura di Luana Savastano]

Un marito ideale è un classico di Oscar Wilde che la regia gipeto ha saputo portare in scena con grande naturalezza, attualizzando gli elementi scenici e liberandoli dagli eccessi. Il tutto senza mai tradire il senso ultimo della commedia originale.

Un marito ideale _ foto di gruppo

Lo spettacolo ha visto il suo debutto al Teatro Caboto di Milano, dove è andato in scena dal 7 al 24 gennaio in un contesto che ha reso protagonista assoluto il testo nella sua complessità e raffinatezza, un testo pregno di temi quanto mai attuali e di interrogativi su cui riflettere: “Fin dove ci si può spingere per il potere?” “Si può fare politica senza compromessi?” “La “questione morale” è un fatto pubblico e privato?”

La semplicità dell’apparato scenico e la modernizzazione dei costumi fanno da “puro” supporto ai dialoghi dei personaggi che appaiono carichi di quel tipico humor inglese che fa da “Leitmotiv” a tutta l’opera e che, d’altronde, rende questa cultura così affascinante.
Del resto, la semplicità è ciò che caratterizza la regia di gipeto (basti pensare anche al precedente lavoro “Mind the gap”): una regia pulita e senza “fronzoli”, una regia genuina e ricca di forza espressiva, di comunicatività, che si percepisce nella voglia (ma forse anche nel bisogno fisico) degli attori di parlare al pubblico con i gesti, con le espressioni, con gli sguardi per mantenere sempre vivo il contatto con la platea, peraltro divertita e appagata.

un marito ideale _ scenografia

Tutto avviene nel salotto di casa Chiltern, dove Robert Chiltern e sua moglie Kate tengono spesso feste e ricevimenti, e dove i sette personaggi entrano ed escono accompagnati dai loro desideri (di matrimonio, magari, come nel caso di Mabel Chiltern/ Alice Viganò), dalle loro ambizioni di potere (quelle di Gertrude Cheveley / Natascia Fonzetti), e dalle delusioni (quella di Lady Chiltern/ Mariangela Del Giudice quando scopre la verità taciutale fino a quel momento dal marito). Ma anche dal sincero sentimento di affetto verso un caro amico (come succede a Rupert Goring/ Gianluca Frigerio, che onora il rapporto di amicizia con i Chiltern). Al centro della storia c’è un segreto che, se svelato, potrebbe cambiare la reputazione politica e la vita coniugale della coppia protagonista.

Se, da un lato, è palese la lunga esperienza di palco di Gianluca Frigerio, dall’altro è altrettanto evidente l’ottima prova del resto del cast, che dimostra una certa padronanza degli incalzanti ritmi scenici e un pieno rispetto verso il proprio personaggio: Matteo Morigi, Mariangela Del Giudice, Natascia Fonzetti, Mariachiara Ribaudo, Alice Viganò, Antonio Palmadessa.

Un marito ideale ci dimostra come certi temi, seppur “datati” (la commedia di Wilde fu rappresentata per la prima volta nel 1895; ne seguirono, poi, due trasposizioni cinematografiche), sono così fortemente attuali che potrebbero fare di noi testimoni (diretti o indiretti) di quelle stesse situazioni che Wilde ha raccontato egregiamente e che qui il cast ha ripreso con grande bravura. Ma, un’altra domanda sorge spontanea: “il compromesso è davvero necessario per la felicità, pubblica o privata che sia”? Bellissima la frase pronunciata da Robert Chiltern: “Col tempo ho imparato che la felicità non è avere quello che si desidera ma desiderare quello che già si ha”.

Recensione Un marito ideale al Teatro Caboto. Regia di gipeto

Locandina Un marito ideale

un marito ideale _ locandina

Condividi la news
Share on Facebook
Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone
The following two tabs change content below.

Luana Savastano

Founder, Editor and Critical a Vista Sul Palco
Fondatrice del blog "Vista Sul Palco". Laureata con Lode in Musicologia e specializzata in teatro musicale contemporaneo all'Università degli Studi di Pavia (titolo della tesi: Jesus Christ Superstar: genesi, critiche e analisi dell'Opera Rock), ha conseguito un master in Marketing per lo Spettacolo presso l'Università Cattolica di Brescia. È redattrice per testate di cultura e spettacolo e ha collaborato con alcune realtà teatrali cittadine per la comunicazione e la promozione di eventi: tra queste Teatro PalaBrescia (ora PalaBanco di Brescia), Residenza Idra (Spazio TeatroIdra). Si occupa di Comunicazione e Marketing svolgendo attività di Ufficio Stampa, Digital PR, Web Editor, Social Networking, Community Manager per aziende clienti di vari settori (Food, Fashon, Tourism and Hospitality, Health and Beauty). Ha insegnato musica in strutture per l'infanzia ed è insegnante in scuole secondarie di primo grado. Il teatro è la sua linfa vitale! ★ Sito web personale (attività e servizi offerti): www.luanasavastano.com

Check Also

Serial killer per signora al Manzoni con Guidi e Ingrassia

Recensione Serial killer per signora al Manzoni fino al 9 aprile

Condividi su: Facebook Twitter Google + Pinterest Stampa Visto: 23 marzo 2017 - Teatro: Manzoni ...

Alla faccia vostra con Debora Caprioglio e Gianfranco Jannuzzo al Manzoni di Milano

Recensione Alla faccia vostra con Debora Caprioglio e Gianfranco Jannuzzo al Manzoni di Milano

Condividi su: Facebook Twitter Google + Pinterest Stampa [Recensione a cura di Alessio Gaburri] A ...