Crea sito
  • Homepage
  • >
  • In scena
  • >
  • Lazio
  • >
  • Spiraglio Film Festival: tra i film in gara Muyeye, storia di una follia africana

Spiraglio Film Festival: tra i film in gara Muyeye, storia di una follia africana

Il documentario su un gruppo di “matti” italiani che vogliono cambiare il mondo sarà proiettato venerdì 31 maggio

MuyeyeMuyeye, film documentario diretto da Juliane Biasi e Sergio Damiani è uno degli 8 lungometraggi in gara alla III edizione de Lo Spiraglio FilmFestival in programma dal 31 maggio al 1 giugno.

Il film è prodotto da Kuraj film insieme a Format, il Centro audiovisivi della Provincia autonoma di Trento, e sarà proiettato alla Casa del Cinema di Roma, venerdì 31 maggio alle ore 14.30. Alla proiezione seguirà un dibattito a tema durante il quale sarà presente il co-regista e produttore Juliane Biasi.

Muyeye prende il nome dall’omonimo un villaggio polveroso sulla costa del Kenya. È qui che in condizioni più che precarie vive la famiglia di Nebat Jumba, costretta a spaccare sassi per guadagnarsi da vivere.
Un giorno arrivano al villaggio persone eccentriche, che si dimostrano essere diverse dai soliti turisti. Si tratta di un gruppo di bianchi che iniziano a raccontare storie sulle malattie mentali sotto il vecchio baobab. Nonostante tutto, i nuovi arrivati promettono che apriranno una scuola professionale gratuita e aperta a chiunque. È l’inizio di una nuova amicizia che legherà in modo indissolubile stranieri e indigeni, bianchi e uomini di colore. Due mondi distanti che hanno in comune il fatto di essere emarginati ed esclusi dalla società o dallo sviluppo della stessa: i bianchi sono i “matti” marchiati dal pregiudizio, i neri sono tagliati fuori dalle risorse sociali e dal futuro. Nebat, però, ha un rapporto ancora più stretto con i nuovi amici, rapporto consolidato dal suo legame con Riziki, seconda moglie e madre dei suoi quattro figli, tornata a Muyeye, il villaggio dei genitori, perché reputata malata di mente.

Questo film è un documentario sull’Africa e sulla follia che vuole dimostrare l’importanza dei “matti” nella società perché anche loro possono cambiare il mondo. Nonostante siano passati più di 30 anni dalla chiusura dei manicomi, nel nostro Paese i malati di mente sono ancora circondati da pregiudizi e ostilità. La realtà, però, è che anche loro, come vuole evidenziare il documentario, possono compiere imprese straordinarie e sono perfettamente in grado di rapportarsi con modi molto diversi e lontani. Ciò è reso possibile grazie al movimento del fareassieme de Le parole ritrovate che da anni combatte stigma e pregiudizio verso la malattia con imprese extra-ordinarie come questa.

Lo Spiraglio FilmFestival è la manifestazione che si impegna a proporre corti, lungometraggi e incontri sul tema della salute mentale e del disagio psichico. È promosso da ROMA CAPITALE – Dipartimento Salute Mentale, ASL RMA – Roma Centro e Fondazione Roma Solidale Onlus con lo scopo di raccontare, attraverso le immagini, il mondo della salute mentale nelle sue molteplici varietà. Un modo per avvicinare il pubblico alla tematica e permettere a chi produce audiovisivi dedicati o ispirati all’argomento di mettere in evidenza risorse  creative e qualità del prodotto.  La direzione scientifica è affidata a Federico Russo, mentre direttore artistico è Franco Montini.

“Lo sforzo – sottolineano i due direttori – è stato quello di selezionare una serie di titoli caratterizzati dal rigore e dalla serietà degli aspetti scientifici, ma anche da indubbie qualità strettamente cinematografiche”.

 

[box type=”info” border=”full”]Per info
Lo Spiraglio FilmFestival
Casa del Cinema di Roma (L.o Marcello Mastroianni, 1)
Web: www.060608.itwww.casadelcinema.it
 www.lospiragliofilmfestival.orgwww.fondazioneromasolidale.it
Tel: 06-37515922; Cell 393 5246858[/box]
Print Friendly, PDF & Email
Condividi la News
Articolo precedente «
Articolo successivo »

Fondatrice del blog di teatro "Vista Sul Palco". È laureata con Lode in Musicologia (Università degli Studi di Pavia) con specializzazione in teatro musicale contemporaneo (titolo della tesi: Jesus Christ Superstar: genesi, critiche e analisi dell'Opera Rock), ha conseguito un Master in Marketing per le Imprese di Arte e Spettacolo presso l'Università Cattolica di Brescia. È redattrice per testate di cultura e spettacolo e ha collaborato con alcune realtà teatrali cittadine per la comunicazione e la promozione di eventi: tra queste Teatro PalaBrescia (poi PalaBanco di Brescia e ora GranTeatro Morato) e Residenza Idra (Spazio TeatroIdra). Ha scritto per testate giornalistiche del settore economico-culturale, occupandosi prevalentemente di arte. Da anni si occupa di Comunicazione e Marketing svolgendo attività di Ufficio Stampa, Digital PR, Web Marketing e Social Networking, Community Manager per aziende di vari settori (Food, Fashon, Tourism and Hospitality, Health and Beauty). Ha insegnato Educazione Musicale in strutture per l'infanzia ed è insegnante in scuole secondarie di primo grado. Il teatro è la sua linfa vitale! ★ Sito web personale (attività e servizi offerti): www.luanasavastano.com

  • instagram
  • pinterest
Trona su