• Homepage
  • >
  • Recensioni
  • >
  • Buoni da morire con Caprioglio, Quartullo e Ramazzotti. La recensione

Buoni da morire con Caprioglio, Quartullo e Ramazzotti. La recensione

  • Pubblicato da Alessio Gaburri
  • 25 Aprile 2022
  • 905 Visualizzazioni
  • 0

La commedia in scena a maggio a Roma e in Puglia

Dal 3 al 15 maggio al teatro Quirino di Roma c’è Buoni da morire, frizzante commedia con la regia di Emilio Solfrizzi e con protagonisti Debora Caprioglio, Pino Quartullo e Gianluca Ramazzotti. Il testo è di Gianni Clementi. Lo spettacolo sarà in scena anche in Puglia dal 17 al 19 maggio. Visto in anteprima al teatro Giuditta Pasta di Saronno in gennaio.

La storia

E’ la sera del 24 dicembre: Barbara (Caprioglio) e Emilio (Ramazzotti) sono una coppia benestante, lui cardiochirurgo, hanno un figlio che studia all’estero. Decidono di trascorrere un Natale diverso, aiutando i volontari che portano generi di conforto ai senzatetto della città. Tornano a casa gratificati, comprensivi e soccorrevoli: sentono di aver fatto del bene e di essere fortunati. La mattina di Natale però, suona il campanello: è Ivano (Quartullo), compagno di scuola che non vedono da molti anni. La sua vita non è andata come voleva, ora è un barbone e ha bisogno d’aiuto proprio da Emilio e Barbara…

Una commedia da vedere

Una coppia borghese che decide per una sera di aiutare: un gesto di solidarietà che permette a Emilio e Barbara di stare insieme, condividere un’esperienza nuova, sentirsi utili alla società e spezzare la monotonia delle loro giornate e del loro rapporto.
Quando rientrano a casa sembrano persone nuove, con il cuore pieno di gioia, come se avessero riscoperto la fratellanza e la solidarietà verso chi è stato meno fortunato.
Essere buoni è semplice se devi uscire di casa e andare sotto dei portici a dare coperte e cibo per qualche ora la sera prima di Natale, ma quando Ivano entra in casa puzzolente, con un carrello, stivaloni da sci e sacchi pieni di cianfrusaglie, i due coniugi vanno in crisi. Ivano ha ora cinquant’anni, non ha lavoro nè casa, è ubriaco e puzza terribilmente. Andavano a scuola insieme e c’era affetto, ora fuori nevica e fa freddissimo, che fare? A suonare il campanello è una prova vera di altruismo. Ivano porta scompiglio nella casa perfetta e nella routine perbenista dei suoi ex compagni di scuola. Con Barbara ai tempi della scuola c’era anche un feeling particolare, e con l’Ivano pulito e pettinato sembrano ritrovarsi.
Emilio è restio: propone di regalargli un giaccone costoso e protettivo piuttosto che ospitarlo. Barbara invece è triste a vederlo così, e insiste per ospitarlo continuando a sottolineare che è in corso una nevicata. Tra gag divertentissime, malintesi e ricordi del passato, la commedia scorre senza mai annoiare e porta a riflettere. Noi spettatori, cosa faremmo?

Il cast e la regia

Buoni da morire vanta un cast di grandi professionisti: Debora Caprioglio è bravissima e diverte in questo ruolo della moglie ansiosa e della ex compagna di scuola che ricorda la cotta per Ivano ma non sa cosa fare. In scena si muove come a casa, e anche dall’espressività del corpo arriva al pubblico l’apprensione del suo personaggio. Amore mio aiutami, La Locandiera, Anfitrione e non solo: la Caprioglio è sempre più brava e nell’ultimo periodo ha spaziato tra opere e personaggi diversi, non solo con commedie brillanti ma anche con grandi classici.
Gianluca Ramazzotti è un Emilio misurato e isterico, attore bravissimo, con una bella presenza scenica e cambi di voce repentini a marcare i diversi stati d’animo.
Pino Quartullo è strepitoso nel ruolo del barbone: fa ridere il pubblico con le sue battute, porta i due ex compagni di scuola all’esasperazione.
La scenografia è bella e curata: un soggiorno arredato con gusto, la porta finestra sul balcone con la neve che scende. La regia di Solfrizzi è dinamica, il testo è forte e rende molto bene in teatro. Da vedere!

Buoni da morire sarà a Roma al teatro Quirino dal 3 al 15 maggio: i biglietti sono in vendita online qui su vivaticket oppure presso il botteghino. La biglietteria è in via delle Vergini (angolo via Minghetti), ed è aperta dal martedì al sabato 11:00 – 18:00 – domenica 12:00 – 18:00. Dopo le 18 è attiva solo per la recita del giorno stesso. Tel. 06.6794585 – Email biglietteria@teatroquirino.com
La commedi sarà in scena anche in Puglia. A Taviano il 17 maggio al Multiplex Teatro; a Fasano al teatro J. F. Kennedy il 18 maggio; a Gioia del Colle al Teatro Rossini in 19 maggio. Per maggiori informazioni per il pubblico pugliese leggere qui

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente «
Articolo successivo »

Laureato in Comunicazione, Mass Media e Pubblicità allo IULM di Milano (tesi: "Sei Personaggi in cerca d'autore. Dal testo alla scena"), lavora nel settore Marketing, Social e Comunicazione per l'e-commerce IBS.it. Costante della sua vita, lo spettacolo: teatro, televisione e cinema. Si avvicina al teatro grazie alla mamma, che lo porta per la prima volta all'età di 14 anni. Frequenta negli anni delle superiori cinque anni di laboratorio teatrale organizzato dal liceo, e nel 2014-2015 un corso di musical presso il Centro Teatro Attivo di Milano.

  • instagram
Trona su