Crea sito
  • Homepage
  • >
  • Recensioni
  • >
  • Recensione Parenti Serpenti. Lello Arena porta a teatro il film cult di Monicelli

Recensione Parenti Serpenti. Lello Arena porta a teatro il film cult di Monicelli [VISTO: 9 maggio 2019 | DOVE: Teatro Carcano (MI)]

  • Pubblicato da Alessio Gaburri
  • 12 Maggio 2019
  • 296 Visualizzazioni
  • 0
| Recensione Parenti Serpenti a cura di Alessio Gaburri |

Ma è sempre così vero il “guai a chi mi tocca la famiglia!” che si sente spesso dire? Non è proprio così in Parenti Serpenti con Lello Arena e Giorgia Trasselli, commedia amara e divertente, scritta da Carmine Amoroso, che racconta una storia di famiglia con tutti i suoi problemi, gioie e dolori.

Recensione Parenti serpenti. Lello Arena porta a teatro il film cult di Monicelli

Lo spettacolo è in scena al Teatro Carcano di Milano fino al 19 maggio per la regia di Luciano Melchionna. Nel cast anche i bravissimi Raffaele Ausiello, Marika De Chiara, Andrea de Goyzueta, Carla Ferraro, Serena Pisa e Fabrizio Vona.

La trama

Saverio (Lello Arena) e Trieste (Giorgia Trasselli) si preparano per le vacanze di Natale: come ogni anno i loro figli, genero e nuora verranno a trovarli dalle città in cui sono andati a vivere. Trieste si dedica alla cucina, il vecchio Saverio prepara l’albero.

Ognuno dei figli ritrova in quella casa la propria infanzia, i propri ricordi e le tradizioni familiari con affetto e calore. Raccontano le loro paure e problemi, le nevrosi, le gioie e i segreti. Passano tempo insieme la sera della vigilia, durante la preparazione della cena, vanno a messa.

Tutto scorre tranquillo fino a quando Trieste rivela a cena che lei e Saverio stanno invecchiando, e che essendo sempre stati uniti vorrebbero avvicinarsi geograficamente a loro e essere accolti nella casa di uno dei figli, al quale darebbero una parte della pensione.

Non vogliono fare la spola tra le case di tutti, e hanno già visitato degli ospizi capendo che non fanno per loro. Questa richiesta manda nel panico i figli, che improvvisamente cambiano registro, si aggrediscono tra scuse e motivazioni pur di non accudire i genitori e nel finale prendono una triste decisione.

Recensione Parenti serpenti. Lello Arena porta a teatro il film cult di Monicelli - 2

Le dinamiche familiari, un tema delicato

Un testo di forte attualità: il Natale in famiglia, che unisce fisicamente ma a volte è un ritrovarsi forzato. Il figlio gay, la sofferenza di chi non ha potuto avere figli, la psicosomatica di chi soffre nel corpo i fatti della vita, la vecchiaia dei genitori e l’egoismo, il tradimento amoroso dentro la famiglia. Sono tanti i temi affrontati nelle vicende di questa famiglia, e avviene sia con ironia sia con cinismo. Il napoletano in teatro è potente, e scegliere questo accento per mettere in scena comicità e dramma è una scelta molto azzeccata.
Lo spettatore assiste a questo Natale di baci e abbracci, di regali e taralli fatti in casa, fino a scoprire i “serpenti” che vivono nei protagonisti.

Un grande cast e una regia moderna

Lello Arena si conferma un grande attore che con naturalezza passa dalla comicità al dramma: Saverio segue tutto dal piano di sopra e esplicita le vicende familiari allo spettatore creando grande divertimento. Soffre di demenza senile e a tratti sembra un bambino, però non si capisce davvero se sta facendo sul serio o se sta facendo fessa tutta la famiglia. Giorgia Trasselli, indimenticabile tata di Casa Vianello, è bravissima, dolce, materna.

Tutti gli attori sono fantastici nell’interpretare i figli e relativi partner: riempiono la scena con una recitazione di livello, interagiscono con il pubblico litigando in platea. La regia di Luciano Melchionna è dinamica e vivace: gli attori entrano ed escono di continuo con tempi perfetti, i dialoghi sono scorrevoli e ci permettono di conoscere tutti i personaggi nel primo atto, che per forza di cose è più lento del secondo. Ottime protagoniste anche musica e luci, che non sono affatto banali.

La scenografia ricorda la forma di un nido che ha il piano di sopra e di sotto collegati da una scala: il salotto con l’albero e la sala da pranzo. C’è una pedana girevole che permette di cambiare la scena, che è nel complesso semplice ma molto efficace. Complimenti a tutti per questo spettacolo: insolito, moderno, curato nei dettagli, molto teatrale e coinvolgente.

Parenti serpenti è in scena al Teatro Carcano di Milano (metropolitana gialla Crocetta) fino al 19 maggio: martedì e venerdì alle 19:30. Mercoledì, giovedì e sabato ore 20:30. La domenica alle 16. La durata è 2 ore + intervallo di 15 minuti. Biglietti in vendita in varie fasce di prezzo al botteghino del Carcano oppure online su ticketone, happyticket e vivaticket.

PARENTI-SERPENTI-Carcano

Print Friendly, PDF & Email
Condividi la News
Articolo precedente «
Articolo successivo »

Laureato in Comunicazione, Mass Media e Pubblicità allo IULM di Milano (tesi: "Sei Personaggi in cerca d'autore. Dal testo alla scena"), lavora nel settore Marketing, Social e Comunicazione per l'e-commerce IBS.it. Costante della sua vita, lo spettacolo: teatro, televisione e cinema. Si avvicina al teatro grazie alla mamma, che lo porta per la prima volta all'età di 14 anni. Frequenta negli anni delle superiori cinque anni di laboratorio teatrale organizzato dal liceo, e nel 2014-2015 un corso di musical presso il Centro Teatro Attivo di Milano.

  • twitter
  • instagram
Trona su